Home
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Quei 3 mesi di matematica che mancano alle bambine

di  

 

alt

In Italia il gap è di 24 punti contro una media Ocse di 16. E tra gli alunni migliori sale addirittura a 39. «Solo un papà su sei crede che la figlia possa appassionarsi alle materie scientifiche Così l’ansia di non essere all’altezza costringe le studentesse a giocare in difesa»

«Ognuno di noi è un genio — diceva Albert Einstein — ma se giudichi un pesce in base alla sua capacità di arrampicarsi su un albero, passerà tutta la sua vita credendo di essere uno stupido». È più o meno quello che provano la maggior parte delle ragazze italiane: amano la scuola, studiano, fanno i compiti, leggono con passione o almeno con più passione dei loro coetanei, ma quando è ora di dimostrare le loro capacità si sentono letteralmente come dei pesci fuor d’acqua. E il risultato è scontato.

 

 

Figli e carriera: quanto conta l’età?

di Massimiliano Bratti

 

altL’evidenza empirica mostra che ritardare la nascita del primo figlio ha effetti positivi sui risultati delle madri nel mercato del lavoro. Anche in Italia. Se però si rimanda troppo, diventa difficile riuscire ad avere il numero di figli desiderato. L’importanza delle politiche di conciliazione.

ETÀ DELLE MADRI, PRIMO FIGLIO E CARRIERA

È dello scorso ottobre la notizia che alcune imprese della Silicon Valley (Facebook e Apple) si sono offerte di pagare alle proprie dipendenti i costi per il congelamento di ovuli (vitrificazione) e il canone annuale per il loro mantenimento. Si tratta di spese nell’ordine di decine di migliaia di dollari. La ragione, neanche troppo velata, è quella di promuovere l’attaccamento delle proprie dipendenti al mercato del lavoro, in questo caso all’azienda, quando sono ancora giovani e altamente produttive e spingerle ad avere figli in età avanzata, solo quando si sono pienamente realizzate sul lavoro. La vitrificazione consentirebbe a queste donne di avere carriera e figli, senza dover rinunciare a nulla.

 

Più maestri per tutti, ma serve?

di ERICH BATTISTIN e DANIELA VURI

altI test Invalsi mostrano che la legge Gelmini ha avuto effetti negativi sugli apprendimenti dei bambini della primaria. Ma l’assunzione di nuovi docenti senza alcun controllo sulla loro qualità, come prevede la “buona scuola” del Governo Renzi, riuscirà a migliorare il sistema scolastico italiano?

ASSUNZIONI NELLA “BUONA SCUOLA”

Nel documento “La buona scuola” proposto dal Governo Renzi è chiara l’intenzione di assumere quasi 150mila docenti entro settembre 2015, attingendo dalle liste dei precari e vincitori e idonei dell’ultimo concorso. A questi si dovrebbero aggiungere, tramite concorso, altri 40mila insegnanti abilitati che dovrebbero sostituire nel triennio 2016-19 quelli che andranno in pensione.
Nel “patto educativo” presentato via video-messaggio, il presidente Renzi si dà un anno di tempo per rivoluzionare la scuola italiana, senza tuttavia discutere gli effetti che ne dovrebbero derivare. Serve veramente ai nostri studenti assumere più insegnanti? Li aiuterebbe a migliorare il rendimento scolastico? Permetterebbe loro di raggiungere i coetanei europei colmando il gap in conoscenze che i risultati dei test internazionali hanno reso palese?

 

EDUSCOPIO - aiuta a confrontare le scuole

altEntro poche settimane mezzo milione di studenti e le loro famiglie in Italia dovranno scegliere a quale scuola superiore iscriversi. Per una ragazza o un ragazzo è la prima grande scelta della sua vita, un momento importante e per molti aspetti decisivo per il suo futuro. Per aiutarli a scegliere la scuola migliore per ciascuno di essi, la Fondazione Giovanni Agnelli ha creato un nuovo strumento, Eduscopio.it. È un sito web a disposizione di tutti, gratuito e utile non solo per gli studenti e le loro famiglie, ma anche per i docenti e i dirigenti scolastici, che permette di confrontare le scuole italiane, a partire dal modo in cui hanno preparato i loro diplomati per il percorso universitario.

 

I poteri delle maestre e i doveri dei genitori

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

altdi Federica Mormando

 

ll bambino si muove molto, si distrae: disturba! Forse è iperattivo.

Non scrive gli apostrofi-legge male-scrive fuori dalle righe. Dislessia? Disgrafia?

Non sa le tabelline e non calcola a mente: discalculia? 

La maestra lancia dubbi ai genitori e la mamma (di solito è lei) porta il pargolo dalla psicologa, assai spesso quella consigliata dalla maestra. Può iniziare così un percorso perverso, uno slalom fra logopediste psicomotriciste e psico d’ogni tipoPeccato che spesso, molto spesso il piccino sia davvero e soltanto maleducato, e che la maestra non sappia interessare la classe.